Email this to someoneBuffer this pageTweet about this on TwitterShare on Google+Share on LinkedInShare on Facebook
Milan Fashion Week

 

La Milano Fashion Week è terminata ed il momento di tirare le somme è arrivato. Non solo tendenze su abbigliamento, accessori o make-up, i brand hanno anche un’altra passerella su cui raccontare, con altri strumenti, idee, collezioni, mood o eventi: parliamo ovviamente dei social network.

Lo scorso anno, queste nuove piattaforme di comunicazione avevano subito un grosso “attacco”, proprio da designer ed insider della moda. Gestire il flusso di dati, compresa la viralità di informazioni e immagini condivise da ospiti e influencer presenti alla sfilata, aveva messo in crisi il sistema stesso.

Il dubbio più grande riguardava la modalità di fruizione delle collezioni da parte dei potenziali consumatori, al tempo stesso osservatori dal proprio smartphone delle nuove collezioni. Il rischio era, in primis, rendere desiderabili capi e accessori in vendita solo sei mesi dopo la sfilata e allo stesso tempo banalizzare gli stessi trend;oltre al fatto, non secondario, di rendere facile, invece, ai marchi di fast fashion, mettere in commercio le idee ritenute più brillanti o di successo.

Il compromesso è arrivato – per alcuni brand – con il See Now Buy Now, di alcuni dei capi o degli accessori visti in passerella. Per il resto non è cambiato nulla, semplicemente i marchi hanno rivisto le strategie social dei propri canali e capito di essere loro per primi a doverle sfruttare al massimo. Molte case di moda, ad esempio, hanno affidato l’account Instagram a famosi fashion blogger che hanno raccontato live backstage e sfilata con Insta Stories (i video di Instagram pronti ad autodistruggersi dopo 24 ore), oppure hanno condiviso foto in anteprima della location o look degli ospiti invitati allo show.

Brand e social: questione di feeling

A stilare la classifica dei brand più social durante la settimana della moda ci ha pensato Blogmeter che ha diffuso i dati del suo Instagram Fashion Index con un report che analizza appunto le performance delle maison che hanno ottenuto maggior reach ed engagement durante la fashion week.

A stravincere c’è in primis Gucci che, grazie anche al magnetismo delle idee del direttore creativo Alessandro Michele, è riuscito a suscitare numerosi reazioni, un vero e proprio record con 3,8 milioni di risultati, ben il 58% in più rispetto alla collezione presentata a settembre.

Dopo di lui, ma molto distanti, troviamo Versace e Moschino con 2 milioni di interazioni.

Per quanto riguarda l’aumento del numero di seguaci in testa c’è sempre Gucci con un più 156 mila, mentre Prada ha raggiunto più 100 mila.

Un altro termometro è l’utilizzo degli hashtag, anche in questo caso Gucci si porta a casa il premio, il suo #GucciFW17 è stato il più utilizzato, prima di lui solo #MFW. Basti pensare che persino l’hashtag #AlessandroMichele ha ricevuto 1,3 milioni di interazioni.

Per quanto riguarda i fashion blogger e influencer, invece? In tanti hanno preso parte alla settimana della moda, ma i risultati più ingaggianti li ha ottenuti la spagnola Aida Domenech che con la sua presenza ha generato 2,4 milioni di interazioni. Dopo di lei la modella curvy body activist Ashley Graham, con 480mila.

I dati del fashion month secondo Instagram

Anche il social network delle immagini ha reso pubblici i dati relativi alle interazioni durante il fashion month, ovvero il mese di sfilate tra Parigi, New York, Londra e Milano. Il risultato totale è di ben 378 milioni di interazioni.

Particolarmente popolari su Instagram, per quanto riguarda le sfilate di New York gli show di Philipp Plein, Michael Kors e Ralph Lauren; mentre a Londra troviamo Burberry, Topshop, Unique e Versus Versace. Come già detto a Milano l’attenzione è stata catalizzata da Gucci, Moschino e Fendi; Balmain, Dior e Chanel invece a Parigi.

Protagoniste, assieme alle case di moda più celebri, le modelle. Alcune di loro hanno visto aumentare esponenzialmente il numero di follower durante il fashion month, in particolare: Naki Depass, Selena Forrest e Alana Arrington, mentre per quanto riguardo lo scettro delle interazioni restano sotto i riflettori Kendall Jenner, Gigi e Bella Hadid.

Commenti