Email this to someoneBuffer this pageTweet about this on TwitterShare on Google+Share on LinkedInShare on Facebook
dati-facebook

Quello dei dati sembra essere per Facebook un tema vero, il tema vero. È arrivato in settimana un annuncio piuttosto importante che comincia con questa frase:

Measurement is the process of using metrics to understand the outcomes that matter to them.

Per rispondere alla sempre crescente domanda di dati da parte degli utenti, il gigante Blu ha ristrutturato e rinominato il proprio canale dedicato, da oggi “measurement FYI”. Sono in particolare due i “grandi momenti” su cui Facebook vuole intervenire:

  1. comparabilità cross-channel;
  2. verifica sui dati da parte di terzi

Nel primo caso Facebook, dopo aver annunciato una maggiore attenzione alle partnership esterne, esce oggi con un portale dedicato denominato MMM ove gli advertiser potranno avere informazioni direttamente dal Social Network. L’obiettivo è quello di permettere ai brand di comparare le prestazioni di TV, Digital e Carta stampata.

Per quanto riguarda le verifiche esterne, Facebook ha annunciato una maggiore integrazione con il Digital AD Ratings di Nielsen e con Comscore per spingere sulla viewability, un argomento molto caldo già lo scorso anno. Anche AdScience e Moat sono coinvolti in questo processo di verifica. La dichiarazione del CEO di AdScience riportata da Facebook:

“IAS is excited to be Facebook’s first partner able to measure viewability and ad fraud for display ads across desktop and mobile. Brands and agencies continue to ask for greater transparency, and this is a huge step in the right direction.” — Scott Knoll, CEO of Integral Ad Science

… ci fa capire come la certificazione dei dati, anche in ottica antifrode, risulti importante per tutti. Anche un altro player del settore, DoubleVerify, è stato inserito tra i Facebook partner.

Cosa portiamo a casa? Trasparenza e verifica della qualità del dato saranno punti chiave nei prossimi mesi e anni, e Facebook dichiara di voler investire con forza, accettando “i controllori” super partes e preparandosi alla misurazione su metriche tipiche di stampa e tv. Insomma, un media globale, completo e maturo.

Commenti