Email this to someoneBuffer this pageTweet about this on TwitterShare on Google+Share on LinkedInShare on Facebook
selfie payment

Selfie via Shutterstock

Pagare i nostri acquisti online ormai è facilissimo, ma il processo punta a diventare sempre più semplice, oltre che originale. È di questi giorni, infatti, la notizia che Amazon, il gigante dell’e-commerce, ha depositato una richiesta di brevetto per un nuovo sistema di identificazione che permetterà di pagare gli acquisti online semplicemente con un selfie invece che con l’utilizzo di password.

Il sistema si basa sull’identificazione biometrica che permette di riconoscere una persona sulla base di una o più caratteristiche biologiche e comportamentali che vengono confrontate, per mezzo di algoritmi, con i dati acquisiti in precedenza e presenti in un database. La combinazione di diverse tecniche biometriche, quindi, consente al sistema di essere estremamente preciso e sicuro.

Per evitare l’uso di un’immagine stampata, Amazon ha previsto una serie di movimenti da effettuare al momento, su richiesta dell’applicazione, davanti alla webcam del pc o alla fotocamera dello smartphone (sorriso, occhiolino o altro). Questo proverebbe che l’utilizzatore è il proprietario del dispositivo e non un impostore che usa una fotografia per effettuare un pagamento.

Image Analysis for User Authentication, questo il nome ufficiale del sistema destinato a sostituire l’uso della password garantisce la sicurezza degli utenti (non può essere rubato come la password tradizionale) e aumenta la privacy (inserire la password è un momento di intimità che deve essere fatto lontano da sguardi indiscreti).

Amazon, però, non è il solo a muoversi nel campo dei pagamenti digitali: anche con Mastercard è possibile pagare gli acquisti online con un selfie senza inserire codici di conferma. Selfie Payment è un servizio pensato soprattutto per acquisti con tablet e smartphone e dopo un periodo di sperimentazione in America e in Olanda, sarà disponibile entro l’estate anche in Italia.

Come risulta dall’infografica relativa alla sperimentazione in Olanda, il 92% di chi ha usato il sistema di autenticazione Selfie Pay di Mastercard lo preferisce all’uso della tradizionale password che, per i primi tempi rappresenta un’alternativa.

Selfie Pay

Per l’utilizzo di Mastercard Selfie Pay occorrerà scaricare un’apposita applicazione da installare sul proprio pc, tablet o smartphone, inserire i dati della carta di credito e quindi, in fase di autenticazione, scattarsi un selfie o usare l’impronta digitale.

I consumatori hanno dimostrato interesse verso le opzioni di digital payment e questo spinge le società a proporne di sempre più interessanti, veloci, sicure e facili da usare.

Facile come scattare un selfie, molto più semplice che digitare una password che può essere dimenticata o, ancora peggio, rubata.

E voi siete pronti per pagare con un selfie?

Commenti